“ZONE TUTELA” (specie Marmorata) CON UTILIZZO DELLE TECNICHE DI PESCA CON ESCHE ARTIFICIALI

1) La specifica disciplina, dettata dal presente regolamento, regolamenta le seguenti zone di pesca:

ZONA TUTELA “PREDAZZO – RIO GARDONE’” (ambito 2 – Fiemme)

  • La zona di pesca è situata sul torrente Avisio a Predazzo, nel tratto compreso tra la confluenza del torrente Travignolo verso monte per circa 1,7 km. fino alla confluenza del rio Gardoné.

ZONA TUTELA “PREDAZZO – TORRENTE TRAVIGNOLO” (ambito 2 – Fiemme)

  • La zona di pesca è situata sul torrente Travignolo nel tratto compreso tra la confluenza con il torrente Avisio e, verso monte (2 km circa), la briglia sopra la piscina.

ZONA TUTELA  “TESERO ’” (ambito 2 – Fiemme)

  • La zona di pesca è situata sul torrente Avisio nel tratto compreso tra la passerella pedonale in zona “VAL” (peagnol), verso valle fino alla confluenza con il rio Stava per circa 500 metri.

2) Le zone sono delimitate e segnate da apposite tabelle.

3) La sigla che contraddistingue i tratti “ZONA TUTELA” è “ZT” ed andrà segnata PRIMA DI INIZIARE LA PESCA.

4) All’interno delle “ZONE TUTELA” è tassativamente vietato trattenere trote della specie “marmorata o ibrido di questa”. Potranno essere trattenute al massimo n° 2 trote fario o iridee che raggiungano la misura minima di 25 cm. Trattenuto e segnato sul libretto il secondo esemplare il pescatore dovrà interrompere la pesca.

5) L’uscita effettuata con modalità di pesca per le “ZONE TUTELA” con- sente al pescatore di effettuare la pesca con analoghe modalità (con esche artificiali e la possibilità di prelievo di un massimo di due trote fario o iridee) su tutte le acque di pertinenza dell’Associazione pescatori Val di Fiemme, rispettando i giorni di apertura di questa e le regole di cui all’art. 7.

.

6) È consentito utilizzare qualsiasi esca artificiale purchè munita di un solo amo (NO ancoretta), privo di ardiglione. Solamente con le tecniche di pesca con la mosca artificiale è consentito utilizzare un massimo di due mosche (secche, sommerse, ninfe o streamers), sempre mono amo e prive di ardiglione. E’ sempre vietata la camoliera a fondo e l’utilizzo di qualsiasi esca viva.

7) Tutto il pesce catturato in questi tratti, ad esclusione delle trote fario o iridee eventualmente trattenute, deve essere recuperato con la massima cura e rimesso in libertà, adottando tutte le dovute cautele per non danneggiarlo.

8) Per tutte le altre voci non strettamente specificate, fa riferimento il regolamento generale valido per tutte le acque.

Share on Facebook0